Paella di pesce

Assaggiata in Spagna, mi ha conquistata! Mi è capitato di provare sia quella di carne che di pesce e la seconda mi ha rapita. Strano per me perché quando si tratta di scegliere tra carne o pesce sono assolutamente una carnivora convinta ma la paella fa davvero una eccezione. Rimanere molto più leggera e allo stesso tempo golosa e sfiziosa. Oggi vi propongo la mia versione

Ingredienti per 2 persone

120 gr di riso bomba

800 ml di brodo di pesce o vegetale

2 cucchiaini di paprika (io ho preso La Chinata)

1 bustina di zafferano

1/2 cipolla rossa

1 spicchio d’aglio

2 peperoni dolci piccoli o 1/2 normale

1 filetto di pesce (circa 160 gr potete utilizzare quello che preferite, rana pescatrice, persico..)

400 gr tra cozze nere e vongole

2 gamberoni Rossi

3 tentacoli di polpo o se volete potete utilizzare anche i calamari o totani

Ovviamente per farla a regola d’arte ci servirà sia la classica padella che una buona paprika saporita. Per la prima potete sostituirla con una padella antiaderente abbastanza larga.

Tritate la cipolla e i peperoni finemente.

Fate soffriggere per qualche minuto in generoso olio evo. Aggiungete i pezzetti di polpo o calamaro e successivamente il pesce. Lasciate cuocere per poco più di 5 minuti a fiamma non troppo alta.

Trasferite in un piatto. Rimettete la padella sul fuoco e aggiungete il riso, fate tostare per un paio di minuti e poi coprite con il brodo (meglio se di pesce) . Versate la paprika, lo zafferano, uno spicchio d’aglio, mescolate cercando di distribuire il riso e lasciate cuocere per 5 minuti. Intanto in un altra padella mettere a scaldare un filo d’olio e versate le cozze pulite e le vongole (mi raccomando a farle spurgare bene, basterà lasciate a bagno in 1 litro d’acqua fredda con un cucchiaino di sale per mezz’ora e poi sciacquarle sotto il getto d’acqua) coprite con un coperchio e lasciatele per qualche minuto in modo da farle aprire e spegnete.

A questo punto rimettere il mix di pesce cotto in precedenza e mescolate. Aggiungete le cozze e le vongole, alcune col guscio e le altre senza. Mescolate bene e questa è l’ultima volta che andrete a toccare il riso. Infatti deve semplicemente assorbire tutti i liquidi. Eliminate l’aglio, aggiungete i gamberi privati del guscio e del budello, abbassate la fiamma al minimo e lasciate ultimate la cottura per 15 minuti circa. Ai bordi vedrete quasi formarsi una crosticina, non vi preoccupate perché è giusto così ed è la parte che, personalmente, preferisco.

Togliete dal fuoco e coprite con un canovaccio per un paio di minuti.

Servite in tavola e buon appetito!

NB Il riso Bomba e la paprika potete reperirli facilmente su Amazon o in qualche alimentari etnico. Se non trovate il bomba utilizzate il vialone nano.