Pettole

Le pettole sono una leccornia che si prepara in Puglia durante le festività Natalizie. Sono delle palline fritte di pasta lievitata e patata da mangiare sia al naturale, che dolci, glassate con miele o vincotto. Si possono preparare anche senza patate, ma io sono fedele a quelle che mi faceva mia nonna Pina.

Ingredienti per 20 pettole circa

400 gr farina 00

Una patata piccola lessata e schiacciata (circa 50/60 gr)

7 gr di sale

330 gr di acqua

3 gr di lievito di birra in polvere

Olio di semi

L’impasto è molto semplice da preparare e deve rimanere piuttosto liquido. Lessate una patata, pelatela, schiacciatela e lasciatela raffreddare. In una planetaria o in una ciotola mescolate la farina, il lievito e il sale. Aggiungete la patata e un po’ d’acqua alla volta. Lavorare per qualche minuto, finn no o a quando non avrà un aspetto piuttosto liscio e lasciate lievitare per 3/4 ore circa avvolto da pellicola.

In una padella dai bordi piuttosto alti fate scaldare l’olio di semi. Nelle fritture è sempre importante che l’olio sia abbondante e bollente. Per vedere se è giunto a temperatura immergente un piccolo pezzetto di impasto, se fa le bollicine e sale subito a galla, vuol dire che è pronto.

Prendete parte di impasto con un cucchiaio e con l’aiuto di un altro versatelo nell’olio bollente. Procedete con 4 o 5 pettole per volta, a seconda della dimensione della padella che utilizzate.

Giratele con una schiumarola e fatele dorare uniformemente. Scolatele e lasciatele intiepidire su carta assorbente. Potete mangiarle così o in versione dolce cospargendole di miele, vincotto o zucchero a velo.

Buon appetito!